Come Calcolare la Potenza per il Decollo di un Aereo

potenza motori per il decollo

Ad ogni decollo si pensa che i motori spingano al 100% della loro potenza. In realtà spingono molto di meno.

Infatti, non è necessario avere tutta la potenza ad ogni decollo, ma solo in certe situazioni. Normalmente si utilizza una percentuale di potenza minore, attorno all’85% o poco più.

Come si decide quanta potenza è necessaria per il decollo?

E perché non si usa la potenza massima?

Diamo una risposta a queste domane.

Potenza al Decollo sugli Airbus: Flex Temperature

Le condizioni meteo ed il peso al decollo dell’aereo sono i principali fattori che determinano quanta potenza è necessario erogare al decollo. Ma anche la lunghezza della pista lo è.

Nell’immagine puoi vedere l’aeroporto di Madeira con una pista di 2.781 metri, molto corta che necessita della massima potenza dei motori.

Nel caso la pista fosse sufficientemente lunga, l’aereo ha pochi passeggeri, pochi bagagli e poco carburante, sarà molto leggero e quindi non servirà tutta la potenza. Inoltre, se la temperatura esterna è molto alta, allora servirà più potenza perché l’aria è meno densa e le alte temperature portano i motori a jet vicino ai loro limiti operativi ad alte temperature.

Se vuoi capire meglio qual è il legame tra la densità dell’aria e la spinta dei motori a jet, leggi l’articolo su Perché gli Aerei Volano a 10.000 Metri.

Temperatura dell’aria: Quella reale e Quella Falsa

Ora, facciamo un esempio così tutto risulta più chiaro.

Ammettiamo di essere piloti di un Airbus 320. Prima del decollo si imposta l’FMC – Flight Management Computer.

Tra le varie informazioni che si inseriscono, ce n’è una che si chiama Flex Temperature.

È una temperatura che si indica in °C, non è la temperatura dell’aria reale di un dato momento, ma una temperatura fasulla.

Si inserisce questa temperatura fasulla per “ingannare” i motori. Ovvero, gli si fa credere che all’esterno la temperatura sia maggiore rispetto a quella reale in modo che il FADEC riduca la percentuale di potenza dei motori.

Cosa significa FADEC?

Significa Full Authority Digital Engine Control. È il sistema elettronico di controllo dei motori.

È l’unico sistema che controlla i motori, ovvero non è possibile fare alcuna variazione manuale se non attraverso il FADEC. Per questo motivo ha la dicitura “Full Authority”, ovvero Autorità Totale.

Controlla ogni aspetto del motore per garantire che non lavori al di fuori dei suoi limiti. Inoltre, controlla il flusso di carburante, l’efficienza del motore e l’accensione.

In questo caso, controlla la potenza necessaria per il decollo secondo l’input dei piloti nel FMC.

Come sapere quale valore Flex Temperature inserire?

I piloti hanno a disposizione una tabella da cui deriva la flex temperature e le velocità per il decollo.

Inserendo la FT i motori avranno una potenza molto ridotta rispetto al TOGA – Take Off Go Around, ovvero rispetto alla potenza massima.

Perché bisogna ridurre la potenza dei motori?

Beh, perché bisogna conservarli in modo da ridurre la loro usura e quindi i costi della manutenzione. Inoltre si consuma meno carburante in questo modo.

Il principale motivo è il risparmio. E poi non serve sempre spingere alla massima potenza.

Avviene questo: quando si inserisce la flex temperature il sistema FADEC determina la potenza dei motori. Diciamo l’83% per fare un esempio. Appena si inerisce questo dato vengono calcolate anche le varie velocità di decollo, ovvero V1 VR e V2.

Chiaramente, se la potenza viene ridotta le velocità aumenteranno per garantire portanza al decollo ed aumenterà anche la rincorsa in pista e quindi sarà necessario una pista più lunga.

Avrai già compreso come le cose cambiano da un aeroporto all’altro. Se la pista è corta non si potrà scegliere una potenza minore, ma si dovrà utilizzare quasi tutta la potenza dei motori. Come nell’aeroporto di Madeira.

Come usare il FT

Se hai un simulatore per pc e possiedi anche un A320 o altro Airbus tra la flotta disponibile, puoi iniziare programmando l’FMC o MCDU e quando ti trovi nella pagina TAKE-OFF inserisci il valore FLEX TO TEMP.

A questo punto avrai indicato ai motori quanta potenza erogare al decollo. In una situazione reale questo significherebbe allungare la vita di servizio dei motori, migliorare i consumi e far risparmiare un bel po’ di costi alla tua compagnia aerea.

Tutti questi piccoli dettagli tecnologici partendo dal FADEC, al MCDU fino ad arrivare alla FLEX TEMP, sono piccolezze di cui mi stupisco ogni volta che ne sento parlare. Sono meraviglie di una tecnologia che non smette mai di crescere.

Lascia un commento