Questo articolo ha lo scopo di spiegare in maniera semplice il fondamento del Coaching: l’allenamento delle Potenzialità. Brevemente possiamo definire una potenzialità come una qualità positiva che possediamo.

Quante volte vi siete trovati a pensare ai vostri aspetti postivi ed i vostri difetti?

Di solito è una delle tipiche domande che ci rivolgono quando facciamo un colloquio di lavoro, oppure ai corsi di crescita personale. In effetti, non hanno torto nel fare questa domanda. E’ curioso pensare che di solito stiamo un secondo a trovare i nostri difetti, mentre i pregi ci sfuggono e dobbiamo pensarci un po’ più a lungo.

Bene, allora proviamo a riflettere assieme per un momento cosa avete di speciale e perché è utile conoscere le proprie potenzialità!

Per facilitarvi il lavoro vi darò una lista di 24 potenzialità:

  1. Curiosità
  2. Amore per il sapere
  3. Capacità critiche
  4. Ingegnosità
  5. Intelligenza sociale
  6. Lungimiranza
  7. Valore e audacia
  8. Perseveranza
  9. Integrità/Onestà
  10. Cordialità
  11. Capacità di amare e lasciarsi amare
  12. Senso civico
  13. Imparzialità
  14. Leadership
  15. Autocontrollo
  16. Prudenza
  17. Umiltà
  18. Capacità di apprezzare la bellezza
  19. Gratitudine
  20. Speranza
  21. Spiritualità
  22. Capacità di perdonare
  23. Humor
  24. Vitalità

Ora, date un punteggio da 0 a 5 per ognuna di esse indicando a che il livello pensate di possedere quella potenzialità. Scrivetele su un foglio. Senza pensarci troppo, leggetele e date il voto.

Tirate fuori 3 o 4 con i punteggi più alti. Quelle sono le potenzialità che maggiormente voi credete di possedere e che vi caratterizzano!

Quindi, le potenzialità non sono altro che tratti di personalità, sono parte intima di noi e ci fanno essere chi siamo!

Cosa significa allenare una potenzialità?

Perché bisogna allenarle?

Le potenzialità ci fanno essere chi siamo, ma anche chi non siamo. Questo significa che ci sono alcune di esse che rimangono represse. Dobbiamo trovarle e liberarle!

Da soli è difficile scoprire quali sono le potenzialità represse ed è per questo che esistono i Coach. Però potete iniziare a riflettere un pochino su cosa volete cambiare nella vostra vita o nella vostra carriera e quale potenzialità necessitate per ottenere questo cambiamento.

Facciamo un esempio: un comandante di una compagnia aerea può sentire in un certo momento della sua vita che la sua leadership non emerge. Può sentire che in cabina, nel dialogo con i dirigenti o anche a casa con i familiari, il suo modo di essere leader è cambiato e non ottiene più risultati.

Si inizia quindi a lavorare su questa potenzialità cercando di farla emergere!

Da dove si parte? Prima di tutto dando una definizione di leadership, secondo trovando occasioni nella vita quotidiana dove allenarla.

Vediamo il programma d’allenamento per il nostro comandante.

Ammettiamo che lui stesso abbia deciso che un buon modo per allenare la sua leadership sia prendere delle decisioni in maniera più autonoma, ma senza escludere l’equipaggio dal processo decisionale. L’allenamento diventerà quindi:

  1. in cabina si cercherà di cambiare abitudini e prima di ogni volo si farà un briefing con tutto l’equipaggio in cui il comandante darà tutte le indicazioni sul volo e le direttive ad ogni membro
  2. quando si sentirà più “forte” inizierà a fare lo stesso in un ambiente a lui poco conosciuto, ad esempio inizierà a comunicare in maniera più diretta con la dirigenza
  3. si prenderà carico di responsabilità sue e di altri comandanti per riferire alla dirigenza situazioni e condizioni di lavoro a loro sfavorevoli
  4. nella vita privata inizerà a essere più presente nella vita dei figli per fungere da guida e maestro d’insegnamento per la vita dei ragazzi

Questo è un esempio molto semplice di come si allena una potenzialità!

La caratteristica fondamentale di questo allenamento è la concretezza e l’azione. Non si parla di un allenamento basato su parole o idee, ma si costruisce un piano d’azione con l’obiettivo di permettere al comandante di uscire dalla sua zona di confort ed agire per migliorare se stesso e nel caso specifico, la sua famiglia che, forse, è la sua motivazione più grande per intraprendere un percorso di Coaching!

Se hai “votato” trova anche tu delle situazioni nella tua vita in cui poter allenare le tue potenzialità e se lo desideri, potrai aiutare molte altre persone lasciando un commento qui sotto descrivendo quello che stai facendo!