controlli sicurezza aeroportoSe hai un po’ di esperienza di volo come passeggero saprai già che alcuni oggetti non sono permessi nel bagaglio a mano.

Dopo l’11 settembre 2001 il mondo della sicurezza del volo di linea è cambiato completamente ed i controlli di sicurezza sono aumentati esponenzialmente tanto che molti oggetti non sono più permessi a bordo nel bagaglio a mano.

Per la completa lista degli oggetti NON permessi, consulta il sito dell’Enac.

Se non hai mai volato prima e vuoi sapere cosa devi fare, leggi questi articoli.

5 Cose da Fare se Viaggi in Aereo per la Prima Volta

La mia Prima Volta… in Aereo!

La domanda che sorge a tutti è che se non è possibile portare a bordo coltelli, tagliaunghie e oggetti appuntiti, per quale motivo a bordo vengono utilizzati forchette e coltelli metallici per il servizio??

Oltre al servizio a bordo, è molto semplice acquistare coltelli ed oggetti metallici dal Duty Free dopo il controllo di sicurezza.

Sappiamo che gli oggetti elencati tra quelli proibiti non sono permessi perchè possono ferire una persona se venisse attaccata, ma basterebbe andare al Duty Free ed acquistare un oggetto metallico… ed il gioco è fatto.

E’ stato dimostrato nel 2013 con un articolo pubblicato sul giornale inglese Daily Mail, dove una persona ha acquistato a Zurigo un coltellino svizzero al Duty Free e lo ha portato tranquillamente a bordo.

Le regolamentazioni Europee ora permettono di portare a bordo lame di massimo 6cm di lunghezza e questi coltellini rientrano nella normativa. Il problema, come spesso accade, si trova alla base, dove è la regola a non funzionare.

Le falle dei controlli di sicurezza nel mondo

Un altro esempio di falla in questo sistema riguarda i credenti della religione indiana Sikh i quali portano sempre con se un coltello chiamato Kirpan.

In India hanno il permesso di salire a bordo dei voli domestici trasportando con loro il Kirpan purchè non superi i 22cm!

In Australia hanno permesso nuovamente di trasportare oggetti metallici perchè hanno chiaramente capito che il buon senso ha la meglio quando si tratta di leggi poco logiche.

Non permettere alcuni oggetti, ma dare l’opportunità di acquistarli dopo i controlli di sicurezza o addirittura offrirli a bordo, non ha senso.

Negli Stati Uniti esiste una coalizione tra assistenti di volo per evitare che nuovamente vengano introdotti piccoli coltelli nella cabina. Visita il loro sito.

A Bologna, nell’aeroporto Marconi, tempo fa un poliziotto si è distratto ed un coltello lungo come una valigia (praticamente una spada), è riuscito a passare i controlli. Questo l’articolo.

L’aeroporto è stato bloccato ed alcuni voli non hanno potuto decollare perchè hanno ripreso le valigie dei passeggeri e rifatto i controlli. Alla fine non hanno trovato nulla… probabilmente è salito a bordo di un volo che è riuscito a partire.

I controlli cambiano un po’ da paese a paese ed in base al tipo di volo (domestico o internazionale) possono essere più o meno severi.

I peggiori che ho mai dovuto passare erano in Germania e Inghilterra dove la cortesia dei poliziotti non è la prima priorità. Sono molto severi e lasciano poco spazio per l’educazione, ma va bene così, i controlli di sicurezza non sono un servizio al cliente!

Nuove tecnologie aiutano?

In tutto il mondo in questo momento sono utilizzati sempre più spesso i Body Scanner utilizzato per vedere se qualcosa è attaccato al corpo della persona sotto i vestiti o per vedere se dentro il corpo ci sono oggetti poco usuali per un essere umano.

Nel Body Scanner devi entrare dentro una macchina che fa una sorta di raggi-x di tutto il corpo ed i poliziotti possono verificare l’interno del tuo corpo. In Colombia è molto utilizzato per combattere la lotta contro i contrabbandieri di cocaina.

Il punto è che ci sono diverse falle nei controlli di sicurezza e bisogna costantemente aggiungere tecnologie o persone per aumentarli.

Terroristi vedono cosa sta succedendo nel mondo dell’aviazione e troveranno sempre un modo nuovo per rompere i controlli di sicurezza.

Leggi Controlli di Sicurezza negli Aeroporti dopo gli Attacchi di Bruxelles

Conclusioni

Siamo veramente così al sicuro? Non lo saremo mai totalmente. Dobbiamo adattarci e andare avanti.

Se ci pensi bene il numero di passeggeri che viaggiano ogni giorno nel mondo sono milioni e gli episodi disastrosi avvengono con poca frequenza, quindi la proporzione tra numeri di passeggeri e disastri è bassissima.

I poliziotti sono più occupati a trovare cibo proveniente da paesi esotici e non consentito nel proprio paese, oppure droghe illecite nascoste in ogni possibile modo che scovare terroristi e polvere esplosiva.

In conclusione, tu ti senti al sicuro quando viaggi in aereo?