2
816

I Movimenti dell’Aereo ti Preoccupano? Ecco cosa fare.

movimenti dell'aereoTi spiego un po’ di cose sui movimenti dell’aereo se sei preoccupato ogni volta che devi volare.

Prima di tutto, iniziamo da questa idea: i movimenti che si sentono NON sono necessariamente quello che l’aereo sta facendo.

Quello che pensi che l’aereo stia facendo è confuso dai cambiamenti di velocità, le accelerazioni e il cambiamento di posizione del muso.

Anche se le sensazioni quando si vola in aereo possono rendere più ansiose alcune persone, in realtà non c’è nulla di cui preoccuparsi. Non è la paura che genera i sentimenti “traballanti” – tutti sentono questi movimenti e queste sensazioni che possono nauseare un po’.

Un essere umano è “progettato” per muoversi guardando avanti muovendosi a circa 4km/h, per questo motivo abbiamo gli occhi nella parte anteriore del cranio e non ai lati. In un aereo si vola ad una velocità di quasi 900km/h, guardando lateralmente (fuori dal finestrino).

Il nostro sistema di bilanciamento si basa sul fatto che normalmente giriamo la testa nella direzione del movimento del nostro corpo.

Fai questa prova per vedere come giri la testa quando hai bisogno di andare in una certa direzione. Prova in una direzione, ma guardando lateralmente, o prova a correre lateralmente mentre guardi in avanti.

Ti renderai conto che facciamo molto affidamento sulla nostra vista per aiutare il nostro sistema di bilanciamento, sistema che si trova nell’orecchio medio. Per dare un senso a ciò che sta accadendo paragoniamo ciò che vediamo con ciò che sentiamo e questo può essere molto diverso in aeeo.

Se sei seduto in un treno fermo in una stazione e un altro treno posto sul binario affianco al tuo comincia a muoversi, ci vogliono pochi secondi per capire se è il nostro treno o l’altro che si muove, questo perché i nostri occhi processano le informazioni prima di altri sensi.

In un aeromobile al nostro sistema di bilanciamento ed ai nostri occhi sono date informazioni che normalmente NON usiamo.

Se stiamo volando in una nube o di notte oppure seduti lontani dalla finestra, i nostri occhi non possono dirci se siamo livellati (se l’aereo è dritto o se è inclinato), peggio ancora il nostro sistema di bilanciamento è sconvolto dal movimento del velivolo e non sappiamo dire dove sia su o giù.

Saprai che i nostri occhi possono percepire la minima variazione di livello o di misura. Ad esempio quando dobbiamo appendere un quadro su una parete, da lontano possiamo vedere se è dritto o storto, non abbiamo bisogno di uno strumento per capirlo.

In aereo perdiamo questa capacità, siamo in grado di vedere cosa accade dentro l’aereo, ma dare un senso a quello che succede fuori è più problematico.

Quando l’aereo sta virando si inclina ad un angolo esatto, come un motociclista.

Quando si ritorna al volo livellato (dritto rispetto all’orizzonte), non siamo in grado di dire se siamo inclinati o dritti. Lo possono capire i piloti se hanno qualche riferimento visivo rispetto l’orizzonte oppure guardando gli strumenti, ma da passeggero, senza alcuni riferimento a terra, sarà più complesso.

Infatti, i piloti hanno la possibilità di volare di notte o in una nuvola senza riferimenti esterni, ma esclusivamente con gli strumenti.

Quando si sale su un aereo bisogna accettare che i movimenti potranno confondere. Non ha niente a che fare con la paura di volare, tutti si sentono così. Non lasciare che le sensazioni ti sconvolgano.

Mostra i commenti

Nessun commento

Lascia un commento