Il lavoro perduto

L’uomo è fatto per lavorare. Siamo stati “costruiti” per fare qualcosa. L’evoluzione ci ha fatti cacciatori: ci ha dato l’abilità di costruire strumenti per migliorare la nostra condizione di vita e di adattamento al mondo naturale.

La società in cui viviamo e la nostra cultura ci danno chiara indicazione sul fatto che dobbiamo lavorare ed avere competenze che ci permettano (come per i nostri antenati) di adattarci alla società e provvedere alla nostra sopravvivenza.

Infatti, avere abilità e competenze sono cruciali per lavorare, e lavorare è cruciale per sopravvivere. E’ molto semplice. Il lavoro ci permette di guadagnare, i soldi ci permettono di comprare cibo, una casa e vestiti, per tanto possiamo sopravvivere se guadagniamo (nella società).

Ma per poter lavorare dobbiamo avere delle abilità e delle competenze che qualcuno è disposto a comprare! Sì, ho detto comprare! Perchè le abilità che tu possiedi vengono comprate nel momento in cui qualcuno ne ha bisogno. Che tu sia dipendente, libero professionista o imprenditore comunque possiedi delle abilità che qualcuno pagherà perchè non le possiede e ne ha bisogno. Sei d’accordo?!

Quindi, seguendo il ragionamento le cose funzionano più o meno così:

competenza > lavoro > sopravvivenza

Al momento, nonostante le rassicurazioni sul fatto che siamo usciti dalla crisi (notizia positivissima), ancora molte persone sono alla ricerca di lavoro. E’ difficile trovarne uno, mille colloqui, ore ed ore spese a rispondere ad annunci, ma niente, nessun lavoro… e la preoccupazione sale.

Cosa fare?!

Seguendo il ragionamento di prima, se per lavorare bisogna avere competenze, ti chiedo, quali sono le tue competenze?! Come ti sono state utili finora nella ricerca di un impiego?! Hai mai pensato di acquisirne delle nuove?!

Cambiare direzione, dare una sterzata alle cose e seguire corsi o intraprendere una nuova professione può essere una grande soluzione. Molti lo hanno fatto “approfittando” della crisi… “Visto che quello che faccio non è più richiesto, mi metto a fare altro!”. Sicuramente avrai sentito di quante persone si sono dedicate alla cucina, un po’ per semplicità e un po’ perchè cucinare distrae e lascia spazio alla creatività.

Qualunque cosa sia, non cambia l’assioma iniziale: bisogna avere delle competenze per agire nel mondo e adattarsi all’ambiente per procurarsi ciò che serve per la sopravvivenza.

A questo punto, se stai leggendo questo articolo ti starai chiedendo forse quale competenza nuova puoi acquisire?! Sarà il cuoco?? Sarà il musicista?? Mah, chi lo sa! Sicuramente sarà qualcosa che puoi imparare in breve tempo e che sia richiesto.

Ricordi l’assioma iniziale del comprare una competenza perchè qualcuno la richiede?! Bene, cerca nella zona vicino a te per un raggio di circa 40 km annunci di aziende di qualunque settore ed allo stesso tempo cerca corsi di formazione che rispondano alle competenze richieste dalle aziende.

E’ una possibile strada da seguire, un’altra soluzione è parlare con molte persone tra amici, parenti e conoscenti per sapere quali sono le loro competenze e se sono in contatto con qualcuno che sta cercando una figura simile alla loro e che anche tu puoi coprire, seppur non avendo la loro stessa esperienza… sicuramente un amico una mano te la darà quando non saprai fare questo o quello. 

Insomma, cosa voglio dire… che bisogno essere creativi e cercarlo il lavoro magari anche crearselo perchè nella condizione in cui siamo, è finito il tempo del lavoro sicuro e ben pagato. Chiediti piuttosto perchè un’azienda dovrebbe assumerti e fai emergere quelle caratteristiche.

Sicuramente sei una persona piena di potenzialità e forse non le hai scoperte totalmente. Tutti noi siamo pieni di potenzialità che possiamo “spendere” nel mondo del lavoro. La creatività, per esempio, va allenata, va curata, non basta avere idee, è necessario anche trasformarle in azioni concrete.

Il tesoro più grande che possiedi sono le tue potenzialità! Forse le hai perse, ma con una mappa del tesoro le potrai ritrovare. Tutti possediamo potenzialità che hanno un nome ed una definizione, devi scoprirle e valorizzarle. La tua positività ti porterà in maniera naturale e spontanea a scoprire le opportunità ed occasioni di lavoro che stanno attorno a te! 

Un in bocca al lupo per la tua ricerca! 🙂

Lascia un commento