Piano di Volo

piano di voloIl piano di volo è uno degli elementi più importanti in aviazione.

Come sempre cercherò di semplificare le cose in modo che nel tuo prossimo volo di linea tu possa comprendere tutto quello che ti accade attorno.

Il piano di volo è un modulo compilato dai piloti e serve per dare ai controllori del traffico aereo tutte le informazioni rispetto al volo che si andrà ad effettuare.

Questo modulo viene consegnato in aeroporto alle autorità ATS (Air Traffic Service) o ARO. E’ un ente istituito per la ricezione dei piani di volo. Ogni pilota infatti, privato o commerciale che sia, in alcuni casi è obbligato a compilare un piano di volo e consegnarlo presso l’ufficio ATS presente in ogni aeroporto.

Questo ente, nel caso in cui il piano di volo non venga chiuso o se l’aereo non arriva a destinazione come previsto, farà scattare le misure necessarie per la ricerca del velivolo.

Per quanto riguarda i voli di linea, normalmente il piano di volo viene compilato e consegnato da una persona dedicata a questa mansione (il flight dispatcher) che studia le migliori rotte da seguire per le tratte della compagnia aerea. .

I piloti devono ottenere il piano di volo della compagnia aerea e studiarlo prima di iniziare il volo. Studiano la rotta, le condizioni meteo, modifiche ad eventuali carte nautiche o ai manuali di volo che utilizzano ed eventuali altre modifiche o informazioni importanti (NOTAM).

Per gli equipaggi che fanno più di un volo nell’arco della giornata, la pianificazione delle tratte viene effettuato ad inizio giornata e prima di ogni tratta.

Le informazioni nel piano di volo

Nel piano di volo sono contenute specifiche informazioni che i piloti inseriranno anche nel computer di bordo. Vediamo le informazioni principali.

La rotta

Chiaramente viene inserita la rotta da seguire. Assomiglia molto alle indicazioni che il gps ti dà quando scegli la destinazione in macchina.

Sostanzialmente è composta da una serie di punti che uniti creano la linea che l’aereo deve seguire fino a destinazione.

Nel piano di volo si inizia indicando l’aeroporto di partenza, la destinazione e un aeroporto alternato.

Mi spiego meglio.

Nel caso in cui l’aeroporto di destinazione non possa essere utilizzato per l’atterraggio a causa di svariati motivi, si dovrà andare in un altro aeroporto.

Ti faccio un esempio concreto. Se devo atterrare a Roma Fiumicino, ma a causa di una tempesta non posso atterrarci, il mio alternato sarà Napoli, quindi dovrò cambiare la rotta e atterrare a Capodichino.

I passeggeri non saranno felici, ma almeno sono tutti a terra sani e salvi.

Indicare la rotta

La rotta viene indicata nel computer di bordo specificando i punti di interesse che sono definiti da VOR e da Waypoints. Per esempio se la mia rotta va da Malpensa a Francoforte, una ipotetica rotta apparirà ai piloti in questo modo:

LIMC ABESI UN851 ROLSA Z162 ZUE T163 PSA EDDF

De-codifichiamo.

LIMC fa riferimento all’aeroporto di partenza, Milano Malpensa. È il codice ICAO che identifica l’aeroporto.

ABESI è il punto di transizione dopo aver seguito la SID (Standard Instrumental Departure). Ovvero, dopo il decollo si segue la SID che ci porterà sopra il primo punto della nostra rotta, ABESI.

Seguendo l’aerovia UN851, che equivale a seguire l’autostrada A1 o A4 in base alla nostra destinazione, andiamo al punto ROLSA. Da qui, seguendo l’aerovia Z162 andiamo a ZUE che è il VOR di Zurigo Est.

Avrai capito a questo punto come funziona. Seguendo l’aerovia T163 andiamo fino a PSA che si trova vicino a Francoforte. Da questo punto seguiremo le STAR per atterrare al nostro aeroporto.

È abbastanza semplice capire come funziona ed il confronto tra una rotta di volo e la “rotta” che segui in macchina prendendo l’austostrada rende bene l’idea.

I Pesi

Nel piano di volo troviamo indicati anche i pesi.

Ci sono diversi pesi che i piloti devono conoscere e inserire nel computer di bordo in modo che vengano calcolate le velocità e altre informazioni necessarie al pilota automatico e all’aereo per consumare il meno possibile e rendere il volo sicuro.

I pesi indicati sono relativi al peso del carburante caricato che dipende dal volo che si effettua. Il peso dell’aereo carico di passeggeri e bagagli ed il peso globale dell’aereo compreso di carburante e passeggeri.

E’ importante avere queste informazioni perché si deve verificare che non si superi il peso massimo consentito al decollo e si deve calcolare la velocità di decollo. Più l’aereo pesa più corsa di rullaggio necessita.

Il Carburante

Nel piano di volo viene indicato il carburante necessario per la rotta, quello necessario per raggiungere l’alternato, per un eventuale periodo di attesa in volo se c’è molto traffico o mal tempo, il carburante utilizzato per rullare fino alla pista e una riserva.

In base al tipo di aereo che si utilizza chiaramente i consumi cambiano e la quantità di carburante caricato varia.

piano di volo

L’importanza del piano di volo per la sicurezza

Prima di qualunque volo, che sia commerciale o privato, ogni pilota pianifica il volo.

Questo non significa che compila un semplice modulo, ma significa che si mette a tavolino per studiare tutta la rotta, anticipare le difficoltà che incontrerà e le soluzioni ed alternative che potrà adottare se si troverà in una specifica situazione.

Una regola d’oro per ogni pilota è quello di essere sempre un passo avanti dell’aereo e anticipare qualunque cosa!

Sono fondamentalmente 3 i fattori da considerare durante la pianificazione:

  • le condizioni meteorologiche
  • la rotta
  • il carburante

Il volo deve essere il più sicuro possibile ed i consumi contenuti.

Per una compagnia aerea una buona pianificazione dei voli significa un risparmio enorme in quanto ogni rotta è studiata per fare in modo che gli aerei consumino il meno possibile, ma se le condizioni meteo non permettono di risparmiare troppo, chiaramente si allunga la rotta per evitare forti perturbazioni.

I benefici del piano di volo

E’ sempre conveniente utilizzare un software per la pianificazione del volo perchè la precisione e l’ausilio che possono dare i moderni software sono molteplici.

In generale i benefici di qualunque pianificazione del volo sono principalmente 3:

  1. Tempo di volo minore
  2. Risparmio in termini di budget
  3. Aiuta a calcolare la quantità di carburante necessaria (riducendo gli sprechi)

Conclusioni

Come vedi il piano di volo non è un semplice modulo da consegnare ad inizio giornata. E’ un elemento decisivo per la sicurezza del volo.

E’ il momento in cui vengono prese importanti decisioni per il volo che si effettuerà, è il momento in cui viene immaginato il volo per evitare più errori possibili.

Il piano di volo è un salva vite per molti piloti ed è per questo che le normative a riguardo sono molto stringenti.

Per noi passeggeri?? Beh, una garanzia in più per la nostra sicurezza e per voli sereni!

Lascia un commento