piloti in asiaSecondo Boeing la domanda di aerei nel mondo sta aumentando a tal punto che ci sarà un’enorme necessità di piloti e tecnici nei prossimi 20 anni. Stiamo parlando di 1,2 milioni tra piloti e tecnici.

Questo è l’articolo: Boeing Forecasts Rising Demand for Commercial Airline Pilots, Technicians

Le flotte in tutto il mondo aggiungeranno altri 38.000 aerei nei prossimi 20 anni. Le previsioni di Boeing del 2015 mostrano che tra lo scorso anno 2015 e il 2034, il mondo avrà bisogno di 558.000 nuovi piloti e 609.000 nuovi tecnici della manutenzione.

Per aiutare, Boeing ha formato finora un numero record di piloti e tecnici in 17 campus formativi nel mondo per sopperire alle necessità di personale. Ha anche investito in un programma di sviluppo per piloti in modo da formare piloti novelli e qualificarli come piloti di linea.

Questo bisogno non verrà soddisfatto da una sola azienda, ma è necessario che anche altre aziende nel settore della manutenzione, le compagnie aeree, le società di formazione e le istituzioni si attivino per certificare piloti e tecnici.

La necessità di queste figure sarà maggiore in quanto la crescita economica mondiale è in rialzo, risultando in una necessità globale di 28.000 piloti e 30.000 tecnici all’anno.

phicong_TPMAMaggiore richiesta di Piloti e Tecnici in Asia

Io sono già in Asia, vivo e lavoro in India e mi trovo bene.

L’area mondiale con la domanda maggiore è proprio l’Asia. Sai perchè? Perchè è una delle zone dove l’economia sta crescendo a livelli altissimi.

Anche se si parla della riduzione del Pil in Cina, e se ne parla quasi come se la crisi affrontata in Euopra negli ultimi 7 anni non sia stata nulla a confronto di quella attuale Cinese, hanno pur sempre una crescita del 7%.

Anche l’India vede una crescita di oltre il 7% ed in generale l’Asia ormai è un fulcro importante per finanza, lavoro ed economia.

Leggi: India. Industria Aeronautica con la Maggiore Crescita al Mondo

Poco da meravigliarsi se la domanda maggiore di piloti e tecnici è proprio nel continente asiatico.

La proiezione dei 20 anni si suddivide in questo modo in base all’area geografica:

  • Asia – 226.000 piloti e 238.000 tecnici
  • Europa – 95.000 piloti e 101.000 tecnici
  • Nord America – 95.000 piloti e 113.000 tecnici
  • Latino America – 47.000 piloti e 47.000 tecnici
  • Medio Oriente – 60.000 piloti e 66.000 tecnici
  • Africa – 18.000 piloti e 22.000 tecnici
  • Russia – 17.000 piloti 22.000 tecnici

Se prima tutti i piloti italiani si dovevano spostare a Dubai per poter lavorare, ora bisogna pensare di spostarsi verso qualche paese asiatico.

Poco da lamentarsi insomma, se non si trova lavoro nel proprio paese bisogna pensare di essere più international. Ormai viviamo nell’era del lavoro globalizzato. Se spostarsi da Bari a Milano per lavoro era un’impresa nel passato, oggi è cosa normalissima.

L’impresa oggigiorno è spostarsi dall’Italia a qualche paese estero, soprattutto per piloti e assistenti di volo.

Le mie previsioni

Queste previsioni sono pubblicate annualmente da Boeing considerando come principale fattore i cambiamenti che interessano i mercati e le industrie.

Boeing condivide questi dati con il pubblico per informare compagnie aeree e società finanziarie dei trend nell’industria, ma a mio avviso è anche fondamentale conoscere questi dati se stai pianificando una carriera in aviazione o se già lavori nel settore.

Chiedi a qualunque pilota se almeno per un periodo della sua vita non ha dovuto spostarsi all’estero (anche con la famiglia) per poter lavorare e mantenere il brevetto di volo accumulando ore.

Non è cosa semplice e sembra che stia diventando sempre più complicato lavorare in aviazione.

La mia previsione è che gli stipendi si abbasseranno ulteriormente, ci sarà maggiore concorrenza per assicurarsi un posto di lavoro, quindi verranno assunti quelli che riescono a finire la scuola di volo in poco tempo e che accetteranno di volare per uno stipendio misero.

Dici che tutti devono fare la gavetta? E’ normale iniziare la propria carriera con poca esperienza ed accettando condizioni di lavoro poco favorevoli?

Peccato che la gavetta in aviazione, a volte, costa la vita di tanti passeggeri che mettono la propria sicurezza nelle mani di piloti inesperti, ma anche di controllori di volo poco qualificati che non sanno gestire il traffico in aumento nella zona pacifica del continente asiatico.

Leggi: Il Traffico Aereo Raddoppia ogni 20 Anni. Perchè?

Conclusioni

Credo nelle previsioni di Boeing perchè è noto che il traffico aereo aumenta di anno in anno. In più molti piloti lasciano il mondo del volo di linea o per cambiare carriera o perchè semplicemente vanno in pensione.

Ci vogliono piloti nuovi, ma qualificati, non bisogna aver fretta di mettere una persona in cabina pensando che deve guidare un pulmino. La sicurezza in aviazione viene prima di tutto (in teoria).

Tu cosa ne pensi di questa crescita così rapida?