Un approccio positivo agli errori

La società di oggi ci spinge a focalizzare la nostra attenzione sempre su ciò che è negativo. E’ molto semplice vedere gli errori di una persona e non quello che fa di buono.

Anche a scuola è così: gli insegnanti cercano costantemente di correggere errori ed atteggiamenti dei loro studenti e per farlo si focalizzano su ciò che non va, senza comprendere che in questo modo si porterà l’atteggiamento dell’allievo a persistere nell’errore.

Quando diamo troppa enfasi all’errore ci dimentichiamo di quello che c’è di buono o non lo vediamo affatto e la persona “giudicata” si sentirà sotto pressione, non all’altezza del compito, si sentirà sbagliata, insomma… la persona diventa l’errore!

Perchè mai dovremmo torturare un adolescenti in questo modo?

Ma la stessa cosa avviene nell’ufficio di un’azienda, in un corso per adulti e forse anche in un corso di volo!

E’ difficile vedere il lato positivo semplicemente perchè non siamo stati abituati a farlo. Dalla scuola alla famiglia e nello sport tutti ci hanno sempre spinti a correggere ciò che non va, dando per scontato quello che è già positivo.

Perchè concentrarsi su qualcosa che già funziona?!

Non bisogna “concentrarsi” su ciò che funziona, ma piuttosto valorizzarla, evidenziarla e apprendere da questa. Anche quando si è piloti allievi inizialmente tutto è complicato ed abbiamo bisogno di tempo per eseguire alcune operazioni in modo disinvolto, quasi senza pensare.

Vedere il lato positivo significa dare soddisfazione a qualcuno o sentirsi soddisfatti di se stessi. Se dopo una lezione di volo ti focalizzi anche sulle cose che hai fatto bene allora sarai più motivato ed energico a continuare ad impegnarti e sarai più disponibile a correggere i tuoi errori.

Non è semplice, ma già da questo momento puoi allenarti a vedere le cose positive che stanno attorno a te. Puoi fare questo piccolo esercizio: da questo momento per ogni persona che incontrerai devi cercare di vedere solo le cose buone, le qualità migliori che vedi in lui o lei disattivando il filtro della critica e del giudizio.

Vedrai quanto è difficile. Se non sei convinto allora fai due cose: cerca prima le cose negative che vedi in una persona e poi quelle positive. Quanto tempo ti ci è voluto per individuare i lati negativi e quanto per quelli positivi?!

Facile immaginare come si possa sentire un dipendente o uno studente costantemente ripresi per gli errori che fanno. La prima cosa che si uccide in questo modo è la loro motivazione. Al contrario, premiare, valorizzare i loro lati positivi sono strategie che alimentano la motivazione e la loro attenzione e costanza verso il raggiungimento di obiettivi.

Prova a fare l’esercizio sulla ricerca dei lati positivi delle persone e fammi sapere come ti sei trovato!

Lascia un commento