10 e più Consigli per una Dieta nei Viaggi di Lavoro

dieta in viaggio di lavoroChi viaggia spesso per lavoro affronta il problema del cibo. Mangiare fuori casa diventa incontrollabile quando pranzi e cene sono sempre in ristoranti e nella maggior parte dei casi si è sempre in compagnia di qualcuno che ci trascina a provare o questo o quello.

Diciamocelo, fa sempre piacere uscire dalle proprie abitudini e provare pietanze nuove, specialmente per noi italiani.

Ma per alcuni questo è un problema specialmente se viaggiano spesso per lavoro e decidono di mantenere la linea. Vediamo alcune cose che si possono fare per seguire la dieta anche in un viaggio d’affari.

Cosa mangiare in un viaggio di lavoro

1. Abituati a bere molta acqua, tieni con te una bottiglia sempre a portata di mano oppure nei bar e ristoranti evita di ordinare bibite gassate. Bevi 2 litri al giorno, meglio se frequentemente ed in piccole dosi.

2. Evita bibite zuccherate. Lo zucchero in eccesso si trasforma in grasso, pertanto è meglio limitarne il consumo.

3. Limita il consumo di alcolici. Se sei in compagnia di qualcuno è difficile evitare di ordinare una bottiglia di vino, ma è consigliato bere solamente un quarto di vino o meno, pertanto meglio ordinare solamente un calice, eventualmente ne ordinerai un altro. Se bevi la birra allora mezzo litro al giorno va bene se hai una certa stazza, altrimenti dimezza la quantità.

4. Limita l’apporto di burro, margarina, insaccati grassi, carni rosse, formaggi grassi. Se viaggi nel Nord Europa, in Germania, Spagna o Francia mangerai molto burro, margarina e carni, anche se viaggi negli Stati Uniti o in Asia in particolare in India. Cerca di chiedere sempre come sono preparate le pietanze, oltre a mostrarti interessato alla cucina locale saprai anche se è preparato con burro, crema o altri grassi.

5. Limita il consumo di thè e caffè. Queste bevande, oltre a contenere caffeina che sappiamo ci rende nervosi e iperattivi contengono anche zuccheri semplici per dolcificare. Evita di berli o non aggiungere zucchero in eccesso.

6. Mangia verdura cruda o cotta. In Asia è molto semplice da trovare.

7. Evita yogurt alla frutta che contiene molti zuccheri, opta per un yogurt magro.

8. Importantissimo mantenere l’apporto di fibre mangiando tanta frutta e verdura.

9. Cerca di non saltare gli spuntini, porta sempre con te una barretta proteica o se hai tempo entra in un bar e ordina qualcosa di piccolo e leggero. In questo modo eviterai di sentire quella fame tragica che ti spinge a mangiarti un manzo intero.

10. Preferisci carne bianca dalla rossa, ma senza escludere quest’ultima completamente. Almeno 3 volte alla settimana sostituisci la carne con il pesce.

 

palestra in viaggioCome controllarsi

Qui arriviamo al punto cruciale della questione. Viaggiatori esperti forse hanno già delle tecniche, ma per chi sta iniziando a fare il proprio mestiere e si trova fuori casa per almeno 20 giorni al mese, la questione diventa complicata.

Come controllarsi? 

Per prima cosa devi metterti in testa che ci vuole molta volontà ed astuzia. Devi capire come funziona una dieta e come trovare spazio per portarla a termine anche se viaggi molto.

La dieta è fatta di attività fisica e nutrizione. Basta questo, niente di più se non muoversi e mangiare in un certo modo.

Quindi, anche in viaggio dobbiamo trovare un modo per muoverci in modo da consumare calorie, ma anche nutrirci bene per non mettere dentro più di quello che bruciamo. Vediamo come.

Attività fisica

Ci sono molti modi per assicurarsi di fare un’adeguata attività fisica, te ne elenco alcune:

  • Palestra dell’hotel: prima di partire assicurati che l’hotel in cui starai possiede una palestra.
  • Correre o camminare in un parco vicino l’hotel: spesso vicino un hotel c’è un parco o una zona pedonale dove è possibile correre o camminare.

  • Sfrutta la camera dell’hotel: se non hai modo di uscire per fare attività fisica usa la camera d’albergo come palestra. È abbastanza semplice fare attività in questo modo, in questo articolo trovi qualche idea.
  • Camminare in aeroporto: se viaggi in aereo ed hai molto tempo da attendere tra un volo e l’altro, sfrutta il tempo d’attesa per camminare in aeroporto, sarà un po’ noioso lo ammetto, ma è un ottimo modo per non bruciare il tempo, ma bruciare calorie!

Ora, dobbiamo risolvere un altro problema, quello del tempo. Tutti quelli che decidono di iniziare una dieta prima o poi arrivano ad affrontare la scusa del tempo.

Si, hai capito bene, una maledetta scusa che non ti aiuta! Se vuoi veramente perdere peso o mantenere la linea in viaggio devi smetterla di pensare che non hai tempo.

Come hai visto anche il tempo d’attesa in aeroporto può essere utilizzato, ma anche svegliarsi presto la mattina per usare la palestra dell’hotel o alla sera dopo una giornata di riunioni si può fare una passeggiata nella città in cui ti trovi.

Alimentazione

Abbiamo già visto cosa dobbiamo mangiare per non ingrassare ed avere un’alimentazione sana ed equilibrata.

Ma come si fa a resistere?

Ok, ho capito il problema, sei un mangiatore cronico come me che alla vista di una pasta sfoglia inizia a salivare eccessivamente e lo sguardo si perde senza avere alcun controllo motorio o linguistico.

A volte siamo come bambini che vedono una cosa in vetrina e devono possederla. Ma siamo adulti e dobbiamo imparare a controllare i nostri istinti, soprattutto per il bene della mente e del corpo.

Mangiare sano significa essere più svegli e rapidi con il pensiero, abbiamo idee più chiare e possiamo concentrarci meglio. Tutte cose fondamentali per il proprio lavoro.

Quindi, vedi che mangiare bene non è solo un modo per dimagrire, ma è soprattutto un allenamento per il cervello per renderlo forte e prestante.

In ristorante o in hotel studia il menù, chiedi a chi è del posto come sono preparate le pietanze, osserva cosa mangiano i locali oppura vai sul sicuro ed opta per piatti con molta verdura (risotto alle verdure, verdure cotte, ecc.).

Evita il dolce alla fine, ordina acqua o un calice di vino o una birra piccola. Mangia lentamente in modo da sentirti sazio per più tempo.

Concludendo, anche io mi sono trovato in questa situazione e tutto quello che ho scritto è frutto della mia esperienza. Ho perso 20kg in 6 mesi in una prima dieta, ne ho recuperati altri 10kg che ho perso nuovamente in 4 mesi facendo esattamente tutto quello che ho scritto.

Non sono numeri da capogiro, ma se il “programma” viene portato avanti con costanza e dedizione i risultati si vedono. In altri casi, se sai di avere problemi di obesità o se tutte le diete che hai fatto non hanno funzionato, allora è sempre meglio rivolgersi ad un medico. Buon lavoro! 🙂

Lascia un commento