Per raggiungere un obiettivo ci vogliono alcuni elementi di fondo che ti trasportino dal punto in cui ti trovi ora al punto in cui vorresti trovarti tra qualche tempo

A questo proposito voglio riportarti la risposta che ho dato ad un lettore qualche tempo fa che mi ha chiesto dei consigli sui passi da compiere per raggiungere un obiettivo professionale in aviazione.

Se anche tu sei alla ricerca dei tuoi obiettivi, prova a rispondere alle domande nel post per fare chiarezza su cosa devi fare.

Questa la mia risposta.

“Consigli semplici e diretti che possano cambiare le cose in poco tempo non ne ho, come puoi immaginare, ma posso darti qualche indicazione per capire quali sono i passi che puoi decidere di fare.

Nessuno, se non tu stesso ha la possibilità di comprendere quali possibilità e opportunità puoi incontrare o creare.

Un percorso da seguire è questo

Definisci quali qualità, abilità stai offrendo o possiedi, definisci gli obiettivi, definisci gli ostacoli, ed in fine, crea un piano d’azione per raggiungere i tuoi obiettivi.

Rispondi a queste domande

Nella mail scrivi che hai maturato l’idea di tornare a lavorare nel mondo dell’aviazione.

  • Quale tipo di lavoro?
  • Qual’è stato il motivo che ti ha spinto a pensare di ritornare in aviazione?
  • Del lavoro che sta facendo ora, ci sono aspetti dei quali non sei soddisfatto?
  • L’esperienza che hai maturato nella multinazionale può essere un elemento che ti può distinguere da altri piloti?
  • Quali sono gli obiettivi che vuoi raggiungere?
  • Entro quanto tempo?
  • Quanto sono realistici?

Per darti un’indicazione più dettagliata

È importante decidere quali sono gli obiettivi e questi devono essere SMART.

Specifici (voglio lavorare come pilota per una società di aero taxi).

Misurabili (voglio avere il brevetto commerciale – (l’unità di misura in questo caso è la categoria di brevetto) – abilitazione per velivoli plurimotore, ecc).

Attraenti (ovvero sfidante, perchè lo stai facendo? Cosa potrai ottenere?).

Realistici (non posso fare l’astronauta, ma possono volare per una piccola società di trasporto cargo).

Tempificati (entro un anno devo avere il brevetto, entro due anni devo aver raggiunto 500 ore di volo su quel velivolo, ecc).

Gli obiettivi poi vanno scritti partendo dall’ultimo, ovvero da quello più lontano, quello più grande che desideri realizzare.

Da lì, a ritroso, dovrai scrivere tutti gli obiettivi necessari per arrivare all’obiettivo finale.

In questo modo arriverai a sapere quale sarà il tuo prossimo step a partire da oggi.

La mancanza di chiarezza degli obiettivi

Non avere chiarezza di obiettivi complica le cose e non ci permette di vedere quale piano d’azione dobbiamo seguire.

Inoltre, poca chiarezza non ci permette di vedere i reali ostacoli (interni a noi ed esterni) e quindi non riusciamo a trovare delle soluzioni.

Mi scrivi “Mi affaccio ad un settore difficile…” – ti chiedo quindi:

  • Quali sono le difficoltà?
  • Cosa hai fatto per affrontare queste difficoltà?
  • Se le hai affrontate, qual’è stato il risultato raggiunto?
  • Quali strategie hanno funzionato meglio?
  • Quali sono le tue aspettative?

Nella mail mi parli anche di: “…tutti mi spingevano ad optare per il posto fisso”…

Questo è un esempio di ostacolo interno, ovvero l’effetto del giudizio altrui sulle nostre scelte genera una sorta di pessimismo che a sua volta pervade i nostri pensieri e ci ostacola nel raggiungere ciò che desideriamo veramente.

Non so quale sia il motivo per cui desideri ritornare a lavorare in aviazione, ma sono un sostenitore di tutti coloro che vogliono migliorare/cambiare la propria vita, per questo sono appassionato di coaching.

La tua scelta è ammirevole e certamente NON impossibile… anzi.

Le domande che ti ho fatto probabilmente hanno già una risposta che solo tu conosci. Tutte le indicazioni che ti ho dato sono un modo per dare a te più chiarezza su dove ti trovi ora e dove desideri arrivare. Spetta a te costruire un ponte per arrivarci.

Allargare la cerchia di conoscenza

Ti ho dato delle indicazioni sugli obiettivi e sugli ostacoli, un altro consiglio che posso darti è di allargare la cerchia di conoscenze e capire chi sono le persone che già da ora possono darti sostegno.

Una tecnica è quella di disegnare cerchi concentrici e scrivere nel cerchio più interno il nome della prima persona che pensi sia quella che in questo momento ti può dare il miglior sostegno per realizzare il tuo obiettivo.

Nel secondo cerchio la persona meno importante, nel terzo cerchio ancora meno importante.

Una sorta di classifica di chi è il tuo miglior sostenitore o chi ti può dare un aiuto pratico.

Fatto questo, pianifica di chiamarli, scrivergli, incontrarli definendo cosa desideri da loro, in che modo ti aspetti il loro aiuto ed entro quando.

Se lo desideri puoi scrivermi nuovamente, ma ti chiedo di darmi maggiori indicazioni su cosa stai facendo in questo momento per raggiungere il tuo obiettivo e chiaramente mi serve sapere qual’è l’obiettivo.

Dire “tornare a fare il pilota di professione” non è un obiettivo specifico, ne misurabile, ne tempificato, ne attraente, è solamente realistico.”

Queste la mail che ho inviato e le indicazioni valgono per chiunque e sono un modo efficace per raggiungere i tuoi obiettivi, grandi o piccoli che siano.

Provalo poi fammi sapere come sta andando.