offerte lavoroIn questo periodo molte persone stanno cercando lavoro e per farlo hanno bisogno di immergersi nel mare delle offerte di lavoro che, spesso, è un mare impervio e crea confusione rendendo difficile la propria ricerca. Vediamo allora come cercare offerte di lavoro.

In altri casi invece, quando hai individuato la tua offerta di lavoro, hai risposto all’annuncio e ti hanno chiamato, le cose vanno male perchè alla selezione non hai convinto il selezionatore. Niente paura! Vediamo come conquistarsi la fiducia del selezionatore e come questo potrà aumentare le tue probabilità di trovare lavoro. Tutto quello che ti dirò è basato sulla mia esperienza lavorando come selezionatore in un’agenzia per il lavoro.

Come cercare offerte di lavoro

1. Facilitarsi il lavoro per la ricerca

Dando per scontato che le tue ricerche avvengo per la maggiore su internet, il primo consiglio, banale, ma utile, è quello di creare nei “Preferiti” del tuo browser una cartella in cui salvare le agenzie online che visiti. In questo modo avrai sotto controllo tutte le agenzie e salterai un passaggio della ricerca… insomma, ti faciliti il lavoro! Visto che cercare offerte è pesante di suo, cerchiamo almeno di renderlo più leggero con questi piccoli accorgimenti!

2. Usa le parole chiave giuste

Quando fai la ricerca nei siti delle agenzie, non andare a caso, ma seleziona parole chiave rispetto alla tua mansione. Parti da quello che sai fare meglio, ad esempio “operatore cnc” oppure “cameriere stagionale”, sii preciso nell’uso delle parole chiave. Una volta risposto a questi annunci, fai una ricerca con parole chiave meno specifiche e più lontane dalla tua professione, ad esempio “meccanica” o “metalmeccanico” oppure “ristorazione”. Inoltre, cerca anche per area georafica, molti siti permettono di specificare la zona in cui fare la ricerca.

3. Cerca, fra i tuoi ricordi, lavori lontani ma utili

Per il tipo di mansione, spulcia bene nel tuo passato tutti i lavori che hai fatto e cerca di capire se c’è qualcosa che potresti fare, magari solo fino a quando non trovi qualcosa di meglio. Se, per esempio, sei un’impiegata, ma durante l’università hai fatto la barista o hai lavorato per una settimana facendo pacchetti regalo durante il periodo natalizio, ecco che hai qualche competenza o abilità in più da spendere.

4. Non stressarti troppo. Organizza il tempo

Un problema che ho notato e che spesso è causa di abbandono della ricerca di lavoro è lo stress e la frustrazione che si genera nel fare questa ricerca. Se ti organizzi nel modo adeguato può diventare qualcosa di meno noioso e meno frustrante. Prendila come un impegno quotidiano che hai, dedicaci un’ora o due e sempre alla stessa ora ogni giorno. Magari di mattina dalle 9.00 alle 11.00 puoi dedicarci del tempo e rimandare a dopo le 11.00 le altre cose da fare.

Come conquistarsi la fiducia del selezionatore

Bene, una volta risposto all’annuncio ora si passa al momento dell’attesa. Quale attesa??? Ma quella della telefonata! Ovvero, quando ti chiamano per andare a fare il colloquio.

Questa attesa si riduce quanti più annunci rispondi. Se rispondi a 20 annunci piuttosto che 5, la probabilità che ti chiamino rispondendo a 20 è maggiore. Può anche capitare che non chiamino comunque, ma la probabilità che qualcuno digiti il tuo numero aumenta.

Se ti chiamano è arrivato il momento di presentarsi davanti al selezionatore. Qui mi sto riferendo al selezionatore di un’agenzia di lavoro, non al selezionatore di un’azienda o altro.

Allora, per i selezionatori delle agenzie è importante capire in poco tempo come possono “venderti”! E’ brutto dirla così, ma siamo realisti, le agenzie non esistono per fare un favore a te o per risolverti un problema, esistono perchè devono fare profitto e lo fanno soddisfacendo le esigenze del cliente. Che non sei tu! Ma l’azienda che paga il servizio dell’agenzia.

Infatti, le agenzie di lavoro offrono un servizio alle aziende, il servizio di ricerca e selezione del personale. Se un’azienda cliente ha bisogno di una persona con determinate capacità e competenze, le agenzie mandano su internet un annuncio e le persone rispondono. Chi sceglieranno?? Sceglieranno le persone più “spendibili”, quelli che danno qualità all’agenzia per le sue competenze, capacità e modo di essere.

Pertanto, nella ricerca di lavoro, non è solo importante rispondere agli annunci, ma anche conquistarsi la fiducia dei selezionatori, facendosi conoscere, chiamando con regolarità, interessandosi a loro ed ai loro clienti. Bisogna dare l’opportunità all’agenzia di “venderci”, se non siamo “vendibili” non ci presenteranno come candidati all’azienda.

Inoltre, tieni conto che il tuo curriculum viene stampato e catalogato. Quando hanno bisogno di qualcuno i curriculum più recenti hanno la meglio (anche se fanno una ricerca nella loro banca dati su pc), gli altri passano nel dimenticatoio. Anche questo è un altro motivo valido per farsi sentire spesso dalle agenzie. Inizia subito!