1
326

Imbarco Aereo: Quello Perfetto (senza spintoni e musi lunghi) Esiste!

imbarco aereo

Trovata la formula del perfetto imbarco in aereo.

Com’è possibile che ogni volta si deve salire su un aereo la situazione vada istantaneamente fuori controllo?

Possibile che non ci sia un modo più intelligente, ed efficiente, per imbarcarsi su un aereo?

La risposta, finalmente, è sì.

Soprattutto se viaggi in aereo per la prima volta, l’imbarco in aereo può essere poco piacevole.

Un astrofisico ha finalmente certificato che il modo in cui ci si imbarca su un aereo oggi è tra i meno efficienti, ma ha trovare la soluzione perfetta.

La formula per un imbarco in aereo perfetto esiste

A trovarla – e a certificare, una volta per tutte, che il modo più comune di salire su un velivolo, tra bagagli a mano, persone indecise e sostituzioni di posto perché “ti prego fammi stare vicino al finestrino” è tra i meno efficienti in assoluto – è stato Jason Steffen, un astrofisico del Laboratorio Fermi che si trova nell’Illinois, Stati Uniti.

Il tappo che solitamente si crea è causato dalle persone che hanno il posto vicino al finestrino e che per sedersi devono scavalcare chi è seduto lungo il corridoio e ha già occupato la poltrona.

Questa modalità non ha senso.

È quanto afferma Jason Steffen, che ha elaborato una sua soluzione basandosi su schemi informatici .

L’astrofisico Jason Steffen di Chicago ha elaborato un nuovo sistema che potrebbe ridurre le code e i tempi per riempire gli aerei di passeggeri.

Steffen lavora a nuove soluzioni per gli aeroporti da circa tre anni.

Dopo aver studiato le dinamiche principali coinvolte nel riempimento di un aereo, nel 2008 ha messo a punto un programma per computer in grado di simulare diversi scenari per l’imbarco in aereo.

Tra questi ha poi isolato i più promettenti, elaborando la sua soluzione per il problema, pubblicata sulla rivista Journal of Air Transport Management, una delle più importanti nel settore della gestione logistica dei trasporti aerei.

Questa è la formula perfetta per imbarcare l’aereo

Un primo passo in avanti negli imbarchi sarebbe quello di far salire prima coloro che si trovano in posti finestrino, seguiti da quelli al centro e poi quelli nei posti-corridoio.

Basterebbe questo schema (chiamato “Wilma”) per guadagnare il 70% di efficienza.

Ma il metodo migliore è il “Metodo Steffen”: alternando l’ingresso nell’aereo di persone che si trovano in posti finestrino, corridoio o centrali, la formula permette di raddoppiare la velocità di imbarco.

Mettere insieme file omogenee e ordinate non è un’operazione semplice e richiede tempo.

Ma secondo le stime di Steffen per ogni minuto al terminal un aereo costa 30 dollari: riducendo di sei minuti l’attesa, una compagnia aerea che gestisce 1.500 voli al giorno potrebbe risparmiare fino a 100 milioni di dollari l’anno.

Guarda anche il video dell’imbarco standard e quello secondo il metodo Steffen

httpv://youtu.be/CsRfFhrNtho

httpv://youtu.be/cHFWuP37Ha4

Mostra i commenti

Nessun commento

Lascia un commento