Quando gli aerei “riattaccano” per evitare un aereo in pista. Emozionante, ma fa paura!

keep-calm-and-go-around-12Forse ti sarà capitato di stare in aereo nella fase di atterraggio e poco prima di toccare terra senti i motori che spingono al massimo e con una manovra di tutto rispetto ci si allontana dall’aeroporto. Si chiama riattaccata.

In gergo si chiama “Go Around”, ovvero, per evitare un altro aereo che ha “invaso” la pista per svariati motivi o c’è la presenza di un animale, ma anche per altre cause quali il troppo vento, i piloti sono obbligati a dare tutto gas e riprendere quota.

Compiono una manovra che a molti può sembrare più qualcosa che i caccia delle frecce tricolori! In realtà è una manovra normale necessaria per evitare un disastro.

Avviene così. Quando i piloti si preparano per l’atterraggio pianificano anche la riattaccata. Ovviamente sono casi rari, non sempre si fa la riattaccata ovviamente, ma per sicurezza si pianifica. Non si sa mai cosa potrà succedere negli ultimi secondi prima di toccare terra. La sicurezza prima di tutto!

La manovra è abbastanza semplice e sicura. E’ una scocciatura per la compagnia aerea perchè si consuma più carburante. Anche i passeggeri non sono così contenti. Per molti può essere un vero e proprio trauma dopo il quale iniziano ad avere dei dubbi sulla sicurezza del volo e tomono il volo. In realtà è una manovra atta a garantire la tua sicurezza.

In questo video si vede come i piloti di questo aereo decidano di non atterrare perchè c’era un altro aereo in pista che non era uscito ed è rimasto più a lungo in pista. Nel video lu puoi riconoscere perchè si vedono le luci stroboscopiche delle ali.

In quest’altro video si vede come viene pianificato l’atterraggio a Venezia e il “Go Around” che poi verrà effettuato. Il linguaggio tecnico e le mappe saranno arabo per te se non sei del mestiere…

Lascia un commento